SPORTELLO ONLINE

I 7 killer della bolletta di casa: la lavastoviglie

08 gennaio, 2018 Tag:

Nell’ultima newsletter del 2017 abbiamo parlato di come ridurre la bolletta elettrica di casa. Abbiamo quindi iniziato un viaggio per capire dove sprechiamo energia elettrica in casa e come possiamo ridurre i nostri consumi (VEDI QUI).

Abbiamo individuato ben  7 apparecchi domestici killer della nostra bolletta elettrica.

Ciascuno di essi è responsabile di una quota rilevante dei nostri consumi.

Abbiamo iniziato parlando della lavatrice.

Oggi è la volta dell’apparecchio killer numero 2: la lavastoviglie.

Ovviamente se la vostra lavastoviglie risale ai primi anni Novanta, è certo che consumi una quantità d’acqua e di energia maggiore rispetto ai nuovi modelli. Le lavastoviglie a risparmio energetico utilizzano minori quantitativi di acqua calda nei loro cicli.

Quindi innanzitutto valutate come al solito di sostituire il vostro vecchio elettrodomestico con modelli di ultima generazione a basso consumo per risparmiare non solo energia elettrica, ma anche acqua e detersivo. Le etichette prevedono anche un sistema di colori, dal verde scuro per i dispositivi di massima efficienza (A), al rosso per quelli che consumano di più (G). Dal 2010 l’etichettatura energetica è stata ampliata con altre tre nuove classi che si aggiungono alla classe A: A+, A++ e A+++. La differenza tra queste è notevole: un apparecchio A++ consuma fino al 50% di energia in meno rispetto a uno A.

Se avete già un apparecchio moderno ed efficiente, ecco le 4 regolette da rispettare:

  1. Occhio al prelavaggio: Se avete la necessità di risciacquare i piatti e le stoviglie prima di posizionarli in lavastoviglie, utilizzate acqua fredda. Se potete, evitate il prelavaggio dei piatti e delle pentole con acqua corrente, cercando di eliminare con un cucchiaio i residui da gettare tra i rifiuti organici. Evitando il prelavaggio a mano risparmierete almeno 70 litri d’acqua. Al prelavaggio vero e proprio, quando necessario, preferite piuttosto l’ammollo delle stoviglie in un catino con acqua e sapone.
  2. Asciugatura naturale: Se la vostra lavastoviglie ha un programma per l’asciugatura dei piatti, evitate di utilizzarlo e lasciateli asciugare all’aria aprendo lo sportello e estraendo verso l’esterno i cestelli per le stoviglie. Cercate di terminare a mano l’asciugatura dei piatti. Evitare il programma di asciugatura vi permetterà di risparmiare dal 5% al 15% di energia.
  3. Solo cicli brevi: Cercate di utilizzare sempre i cicli più brevi e più ecologici per il lavaggio dei piatti, ad eccezione dei casi in cui le stoviglie sono molto sporche. I cicli brevi richiedono meno acqua e meno energia, garantendo di solito gli stessi risultati dei cicli normali. Scegliendo programmi di lavaggio rapidi o a bassa temperatura e azionando la lavastoviglie sempre a pieno carico, è possibile risparmiare fino a 1500 litri d’acqua all’anno.
  4. Temperatura minima: Se la vostra lavastoviglie lo permette, cercate di regolare la temperatura minima di utilizzo per l’acqua calda, in modo tale da ridurre ulteriormente gli sprechi energetici. Se è possibile, regolate la temperatura a 50 gradi. In questo modo si risparmieranno 84 chilowattora all’anno, corrispondenti a 80 cicli di lavaggio in lavastoviglie.

Volete parlare con un nostro tecnico per affrontare in modo sistematico e approfondito il tema del risparmio energetico?

Contatta il tuo referente commerciale Benaco Energia o rivolgiti ai consueti recapiti:

Il nostro Servizio Consumatori

DEDICATO A TE

Qui trovi tutte le risposte alle tue domande ed esigenze.
Per qualsiasi dubbio chiamaci allo 0365.42971

Documenti amministrativi

Luce Gas

Richieste tecniche

Luce Gas

Servizio guasti

Vai

Domande Frequenti

Vai

Fissa un appuntamento

Vai

Iscriviti alla nostra
Newsletter

Bastano due semplici passaggi per essere sempre aggiornato sulle nostre offerte e sulle regolamentazioni del mercato energetico.

Tutte le vostre comunicazioni saranno trattate nel pieno rispetto della privacy e della normativa vigente ai sensi della legge 196/2003. *Campo obbligatorio