iva

Come tutti sappiamo, anche sulle forniture di energia elettrica viene applicata l’IVA . Per gli utilizzi domestici l’aliquota di riferimento è il 10 percento, anziché il 22. Tuttavia fra le realtà che hanno diritto all’IVA al 10 per cento vi sono anche alcune realtà specifiche, assimilate agli usi domestici. In particolare  l'Amministrazione finanziaria ha precisato che l'uso domestico si realizza nelle somministrazioni rese nei confronti di soggetti che, in qualità di consumatori finali, impiegano l'energia elettrica o termica nella propria abitazione, a carattere familiare o in analoghe strutture a carattere collettivo, prive del requisito della commercialità. Tra le strutture a carattere collettivo caratterizzate dal requisito della residenzialità, sono stati indicati espressamente scuole ed asili, oltre a caserme, case di riposo, conventi, orfanotrofi e brefotrofi. A condizione però che i soggetti consumatori di energia, nell'ambito di tali strutture, non svolgano attività verso corrispettivi rilevanti ai fini  IVA, anche se rese in regime di esenzione. Nelle ipotesi invece di utenze ad uso promiscuo, ha precisato l'Agenzia,  deve essere applicata l'Iva con l'aliquota ordinaria sull'intera fornitura qualora la mancanza di distinti contatori impedisca di determinare l'energia erogata per i soli usi domestici agevolati. Per qualsiasi dubbio o chiarimento sull'applicazione dell'IVA sulle tue forniture energetiche, gli addetti di Benaco Energia sono a tua disposizione ai consueti riferimenti.

Email benaco@benacoenergia.it

Tel. 0365.42971