gse

Un’importante notizia per i titolari di impianti fotovoltaici. Lo scorso 22 novembre il GSE ha pubblicato una News che risponde alle numerose richieste di chiarimento in merito alla possibilità di cumulare gli incentivi in Conto Energia con le disposizioni di cui alla Legge n. 388/2000 (c.d. “Tremonti ambiente”). In particolare il GSE ha chiarito che l’agevolazione fiscale è cumulabile con le tariffe di cui al I e II Conto Energia (alle condizioni previste dai relativi decreti incentivanti), ma la stessa non è in alcuna misura cumulabile con le tariffe incentivanti di cui al III, IV e V Conto Energia. Il GSE avverte che gli operatori che intendono continuare a percepire le tariffe incentivanti del III, IV e V Conto Energia sono tenuti a rinunciare al beneficio fiscale goduto. A tal fine il GSE precisa che sarà necessario manifestare tale volontà all'Agenzia delle Entrate secondo le modalità e le prassi già rese disponibili dalla stessa, entro dodici mesi successivi alla pubblicazione della news, dando evidenza al GSE dell’avvenuta richiesta e quindi dell’effettiva rinuncia ai benefici fiscali. Per approfondimenti o consulenze specifiche, potete contattare la nostra collegata Aden S.r.l. (www.adensrl.com) ai seguenti contatti: TEL. 0365 520631 - EMAIL direzione@adensrl.com  
Capita tante volte, quando si spiega la bolletta ai nostri clienti, di soffermarsi sull’elevata incidenza della componente A3 sui costi complessivi. Quest’onere in bolletta è assimilabile ad una tassa che serve a finanziare quasi tutte le politiche di incentivazione dell’energia rinnovabile italiana e dell’efficienza energetica: il fotovoltaico, il sistema del Cip 6, lo scambio sul posto, il ritiro dedicato dell'energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili o non rinnovabili sotto i 10 MW, la copertura degli oneri CO2 per gli impianti assimilati, la tariffa onnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili ed altro ancora. Per una famiglia media tipo con 2700 kWh di consumo annuo, la A3 arriva a pesare circa il 17% della bolletta totale della luce (con riferimento al III trimestre del 2017). Mentre per un’utenza “Altri usi” può arrivare quasi al 20%. Da un recente documento di GSE, la società dello Stato deputata alla gestione degli incentivi finanziati dalla A3, nel 2016 l'investimento dei consumatori "a favore della sostenibilità" è stato di 16,1 miliardi di euro, equivalente "all'1% del Pil nazionale". Dunque, "la famiglia tipo ha contribuito con circa 136 €, a fronte di una spesa energetica annua di circa 2.600 €" (il contributo dovrebbe scendere a 113 € nel 2017 e, secondo uno studio di GSE, nei prossimi sei anni, a politiche vigenti, scenderà intorno agli 80 €/anno). Si spendono quindi tanti soldi, presi dalle nostre bollette. A maggior ragione non bisogna perdere l’occasione di valutare l’opportunità di beneficiare di tutti questi ricchi incentivi, che già paghiamo in bolletta. Un’azienda che non ne approfitta ad esempio, oltre ad avere un costo energetico più elevato, subisce la beffa di finanziare l’efficienza energetica dei propri concorrenti! La nostra collegata Aden S.r.l. (www.adensrl.com) è a vostra disposizione per valutare le opportunità di risparmio ed efficienza energetica più adatte alle vostre caratteristiche.