Energia elettrica

Nel mese di luglio 2017 secondo quanto rilevato da Terna, la società che gestisce la Rete Elettrica Nazionale, la domanda di energia elettrica è stata di 29,3 miliardi di kWh, in aumento del +0,5% rispetto ai volumi dello stesso mese dell’anno precedente. La performance della domanda dei primi sette mesi del 2017 è cresciuta del +1,2% rispetto al corrispondente periodo del 2016. A parità di calendario il risultato è +1,7. A livello territoriale, la variazione tendenziale di luglio 2017 è risultata ovunque positiva: +0,2% al Nord, +0,7% al Centro e 0,9% al Sud. Nel mese di luglio 2017 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per un 87,5% con produzione nazionale al netto dei pompaggi (+1,7% della produzione netta rispetto a luglio 2016) e per la quota restante da importazioni (saldo estero -6,4% rispetto a luglio 2016). In dettaglio, la produzione nazionale netta (25,8 miliardi di kWh) si è incrementata di un +1,7% rispetto a luglio 2016. Sono in aumento le fonti di produzione eolica (+33,9%), fotovoltaica (+5,8%), termica (+4,5%) e geotermica (+0,8%); in flessione la fonte idrica (-15,1%). La potenza massima richiesta a luglio 2017 è stata di 54.535 MW; tale valore è stato conseguito giovedì 13 alle ore 16 e risulta superiore del +1,8% al valore registrato alla punta del corrispondente mese di luglio 2016. Più consumi significa che la crisi è definitivamente alle spalle? Forse. Serve ancora del tempo per dirlo. E serve sicuramente mettere alla prova i consumi con un andamento meteorologico più regolare, dal momento che l’estate che sta finendo è stata più calda della media storica…
Una quota rilevante della bolletta elettrica serve per remunerare l’attività del distributore locale. E’ quella parte della bolletta che va sotto il nome di “Spesa per la gestione del contatore”. In questa voce ricadono anche i corrispettivi fissi mensili per la quota di potenza messa a disposizione. Soffermandoci per ora sulle sole utenze ad uso domestico, è opportuno segnalare una interessante novità. Dal 1 gennaio di quest’anno infatti, gli scaglioni di potenza tra cui poter scegliere hanno un “passo” più fitto. La potenza può infatti essere modulata, sia in aumento che in diminuzione, con variazioni di 0,5 kW fino ad una potenza di 6 kW (il cliente può richiedere una potenza impegnata di 0,5, 1, 1,5 kW e così via fino a 6 kW) Oltre i 6 kW e fino a 10 kW le variazioni possono essere di 1 kW (si può richiedere una potenza impegnata di 7, 8, 9 o 10 kW). Quindi addio ai pochi e vecchi scaglioni, estremamente limitanti. Poiché per ogni kW di potenza messo a disposizione corrisponde un corrispettivo fisso annuale di Euro 21,48, la possibilità di avere un ventaglio di opzioni più ampio, consente di ritagliarsi una potenza del contatore più adatta alle proprie necessità. Sia aumentando la potenza necessaria che, se è il caso, riducendola. Vuoi verificare se la tua disponibilità di potenza è adatta alle tue necessità? Vuoi verificare se i tuoi fissi di potenza possono quindi essere ridotti o aumentati per evitare distacchi da eccesso di carico? Contatta i nostri uffici o i nostri consulenti! Riceverai assistenza gratuita per ottimizzare la tua bolletta. Tel. 0365.42971 - Email benaco@benacoenergia.it
Prima di rispondere a questa domanda però, è opportuno spiegare cosa è Servizio Elettrico Nazionale e per quale motivo, se non avete ancora cambiato, è il vostro fornitore di energia elettrica. Servizio Elettrico Nazionale è la società che prima si chiamava Enel Servizio Elettrico e che dal 1 gennaio 2017 ha assunto questa denominazione. Servizio Elettrico Nazionale  fa parte del gruppo Enel e gestisce le forniture di energia elettrica che non hanno ancora scelto la strada del libero mercato e che vengono quindi rifornite secondo le tariffe della cosiddetta “Maggior tutela”. Cioè tariffe amministrate e stabilite trimestralmente dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas. Prossimamente, quando il Governo finalmente lo deciderà, questo regime di prezzi amministrati verrà cessato. E anche chi non se ne cura o  è troppo diffidente, potrà scegliere la convenienza del libero mercato. Il risparmio però può iniziare già da ora, se scegli le tariffe di Benaco Energia per la fornitura della tua casa o della tua attività. In particolare, per la casa, Benaco Energia propone la propria tariffa RISPARMIO GARANTITO (vedila QUI): uno sconto del 10% sulla componente energia della tariffa di maggior tutela. Per la tua azienda Benaco Energia propone invece varie soluzioni a prezzo fisso o variabile, per consentirti di cogliere tutte le opportunità del mercato libero. Cosa aspetti a risparmiare e lasciare il Servizio Elettrico Nazionale? Contattaci, senza impegno!

Telefono: 0365.42971 - Email: benaco@benacoenergia.it

Come tutti sappiamo, anche sulle forniture di energia elettrica viene applicata l’IVA . Per gli utilizzi domestici l’aliquota di riferimento è il 10 percento, anziché il 22. Tuttavia fra le realtà che hanno diritto all’IVA al 10 per cento vi sono anche alcune realtà specifiche, assimilate agli usi domestici. In particolare  l'Amministrazione finanziaria ha precisato che l'uso domestico si realizza nelle somministrazioni rese nei confronti di soggetti che, in qualità di consumatori finali, impiegano l'energia elettrica o termica nella propria abitazione, a carattere familiare o in analoghe strutture a carattere collettivo, prive del requisito della commercialità. Tra le strutture a carattere collettivo caratterizzate dal requisito della residenzialità, sono stati indicati espressamente scuole ed asili, oltre a caserme, case di riposo, conventi, orfanotrofi e brefotrofi. A condizione però che i soggetti consumatori di energia, nell'ambito di tali strutture, non svolgano attività verso corrispettivi rilevanti ai fini  IVA, anche se rese in regime di esenzione. Nelle ipotesi invece di utenze ad uso promiscuo, ha precisato l'Agenzia,  deve essere applicata l'Iva con l'aliquota ordinaria sull'intera fornitura qualora la mancanza di distinti contatori impedisca di determinare l'energia erogata per i soli usi domestici agevolati. Per qualsiasi dubbio o chiarimento sull'applicazione dell'IVA sulle tue forniture energetiche, gli addetti di Benaco Energia sono a tua disposizione ai consueti riferimenti.

Email benaco@benacoenergia.it

Tel. 0365.42971