• 15 dicembre 2017

Quali sono i 7 apparecchi killer del consumo elettrico?

Vi siete mai chiesti come fare a ridurre la vostra bolletta elettrica, oltre scegliendo le tariffe di Benaco Energia?
La risposta è semplice: consumare meno energia.
Ma dove sprechiamo energia elettrica in casa e come possiamo ridurre i consumi?
Per cominciare è bene prestare attenzione agli elettrodomestici che consumano di più.
Abbiamo individuato ben 7 apparecchi domestici killer del consumo elettrico.
Ciascuno di essi è responsabile di una quota rilevante dei nostri consumi elettrici. Quindi, la scelta e un utilizzo più consapevole di questi 7 elettrodomestici sono il miglior modo per iniziare a risparmiare.
I 7 apparecchi domestici killer sono:

• la lavatrice
• la lavastoviglie
• il ferro da stiro
• il forno e/o microonde
• le stufe elettriche
• il scaldabagno elettrico
• Il Phon

Cominciamo oggi a vedere il primo apparecchio killer.
Nelle prossime newsletter parleremo degli altri 6.

LA LAVATRICE

La lavatrice è un elettrodomestico indispensabile anche se spesso è causa di tanti sprechi energetici.

Ecco i 5 consigli da rispettare:

  1. Una buona classe energetica: Come al solito è importante controllare l’etichetta energetica al momento dell’acquisto, optate magari per modelli di ultima generazione a basso consumo per risparmiare non solo energia elettrica, ma anche acqua e detersivo. Le etichette prevedono anche un sistema di colori, dal verde scuro per i dispositivi di massima efficienza (A), al rosso per quelli che consumano di più (G). Dal 2010 l’etichettatura energetica è stata ampliata con altre tre nuove classi che si aggiungono alla classe A: A+, A++ e A+++. La differenza tra queste è notevole: un apparecchio A++ consuma fino al 50% di energia in meno rispetto a uno A.
  2. Modelli intelligenti: date preferenza ai modelli con velocità di centrifuga regolabile, partenza ritardata (impostando l’inizio del ciclo alle ore notturne se avete una tariffa bioraria), e allacciamento all’acqua calda (permette di collegare la lavatrice direttamente all’acqua calda, evitando utilizzare il suo meccanismo di riscaldamento);
  3. Programmi adeguati: Per ridurre i costi fino al 70% scegliete il programma di lavaggio in maniera corretta; i programmi a basse temperature consumano molto meno, quindi usate un programma di lavaggio a 90 gradi solo in caso di macchie ostinate o bucato estremamente sporco. Oltre a risparmiare sulla bolletta, risparmierete anche sui vestiti: i capi lavati a basse temperature durano molto più a lungo!
  4. Lavate sempre a pieno carico per evitare dispersione di energia inutile e assicurare un lavaggio migliore, se è disponibile usate l’impostazione “mezzo carico” quando il bucato non è molto;
  5. No al pre-lavaggio: La funzione di prelavaggio non è indispensabile e aumenta il consumo elettrico di circa il 30-35%; attivate tale funzione soltanto in caso di biancheria molto sporca e lasciate asciugare il bucato manualmente.

Volete parlare con un nostro tecnico per affrontare in modo sistematico e approfondito il tema del risparmio energetico?

Contatta il tuo referente commerciale Benaco Energia o rivolgiti ai consueti recapiti: