• 17 novembre 2017

Bollette a 28 giorni? Non con noi

Si fa un gran parlare in questi giorni dello “scandalo” delle bollette a 28 giorni.

La possibilità cioè per gli operatori della telefonia di emettere fattura ogni 28 giorni. Con questo “stratagemma”, che sostituisce i canonici 30 giorni, gli operatori fatturano una mensilità in più ogni anno, per un maggior costo a carico dell’utente pari all’8.6%.

Il Parlamento in questi giorni si sta occupando della questione e nell’ambito della discussione del Decreto Fiscale ha approvato un emendamento che vieterà l’emissione delle bollette mensili a 28 giorni per abbonamenti telefonici, tv e internet con l’esclusione di altre tipologie d’impresa, come le aziende fornitrici di gas ed energia.

L’esclusione dal divieto per il settore dell’energia e del gas però non deve preoccupare.

Le nostre fatture per la vendita di energia elettrica o gas infatti, sia per la parte materia prima che per gli oneri di sistema o trasporto, non dipendono dalla periodicità di fatturazione. Infatti si basano sui consumi e sul periodo di fornitura.

Quindi, si può stare tranquilli a prescindere dal fatto che il Decreto Fiscale preveda o non preveda obblighi in questo senso.

Anche per la vostra casa scegliete quindi senza timori la soluzione contrattuale di Benaco Energia più adatta ai vostri consumi.

Accedi QUI alle offerte per la casa di Benaco Energia.